Welcome to MB International

  • Languages:
  • EN
  • IT


  Contact : 045 761 4998

Diritto e norme

L’interesse del mondo scientifico per gli effetti delle onde elettromagnetiche sull’ambiente e sull’uomo ha avuto un percorso riflesso anche sul piano giuridico e del diritto, allo scopo di organizzare una disciplina normativa riguardante l’inquinamento elettromagnetico.

Finora sono però mancati interventi unitari e l’incertezza scientifica sulla materia si trasmette appieno anche in ambito giurisprudenziale. Il fenomeno dell’elettrosmog investe peraltro diversi ambiti e sfere di competenza, quali l’urbanistica, la salute, l’ambiente e le telecomunicazioni, che hanno reso ancora più complesso l’elaborazione di quadri normativi efficaci, completi e omogenei.

Le principali norme vigenti in Italia in materia di elettrosmog sono:

  • Legge 22 febbraio 2001 n. 36 (Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici)
  • DECRETO 10 settembre 1998, n. 381 del MINISTRO DELL’AMBIENTE (Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana.)
  • Il D.P.C.M. 8 Luglio 2003 per l’alta frequenza “Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz.”
  • E il D.P.C.M. 8 Luglio 2003 per la bassa frequenza “Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni ai campi elettrici e magnetici alla frequenza di rete (50 Hz) generati dagli elettrodotti.”
  • Il “Codice delle comunicazioni elettroniche” e i suoi allegati
  • DECRETO 29 maggio 2008 Approvazione della metodologia di calcolo per la determinazione delle fasce di rispetto per gli elettrodotti
  • Per gli ambienti di lavoro D.Lgs 81/08, titolo VIII, Capo IVTutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro: Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici